On the 3rd Day | Recensione film

On the 3rd Day | Recensione film

DVD horror extreme TetroVideo

On the 3rd Day (2021) è il titolo del nuovo horror di Daniel De La Vega, regista argentino noto per aver diretto Jennifer’s Shadows e Necrofobia.
Con On the 3rd Day (aka Al Tercer Día), il regista sonda il sottogenere del vampire movie fondendolo col genere drammatico in cui viene esaltata una storia amara e avvolta dal mistero. Quest’ultimo è amplificato dall’uso di flashback che, oltre a gettare luce sulla verità, delineano la vera anima oscura del film.

La trama vede protagonista Cecilia (Mariana Anghileri), una donna separata che decide di fare un piccolo viaggio in auto insieme a Martín, il figlio di pochi anni. Un incidente però stravolge la sua vita. Tre giorni dopo il sinistro, Cecilia si ritrova a vagare da sola, senza ricordare cosa sia successo durante lo spostamento in macchina e, soprattutto, non ricorda che fine abbia fatto Martín.
La donna attirerà i sospetti della polizia e anche le attenzioni di un fanatico religioso che inizierà a darle la caccia. A credere in lei invece sarà il Dr. Hernán, il quale la aiuterà a far chiarezza nella mente con una seduta di ipnosi.

Daniel De La Vega stravolge la classica storia di vampiri con originalità, portando in primo piano legami familiari spezzati e puntando su una forte caratterizzazione dei personaggi. Tra le performance attoriali, si eleva sicuramente quella di Mariana Anghileri che in questo horror argentino diventa il bersaglio del male nonché il simbolo del dolore materno, un personaggio tormentato da sempre che raggiunge vette altissime di disperazione.
In questa fornace di sentimenti distrutti ed emozioni dolorose si insinua lentamente una glaciale componente horror che si fa sempre più marcata col susseguirsi di flashback alternati a sequenze violente e che si concentra in un finale inaspettato. Tra le sequenze più crudeli è da segnalare la morte di un vampiro: colpito alla testa con un martello, sciolto nell’acido e infine decapitato (notevoli i practical effects) per mano di un prete cacciatore di vampiri, l’uomo responsabile della sciagurata sorte della protagonista.
Tra i momenti più evocativi ed emozionanti invece spicca la vampirizzazione a cui la vittima viene sottoposta dall’essere demoniaco (Mathias Domizi), figura longilinea e spettrale carica di fascino e oscurità.

Caratterizzato da uno svolgimento della storia lento ma profondo, utile a sottolineare un tagliente crescendo di ansia e di orrore quasi tangibili, On the 3rd Day è un atipico e rilevante film sui vampiri che si distingue, oltre che per una regia e una fotografia (Mariano Suarez) eleganti ed esperte, anche per la rappresentazione della particolare evoluzione e presa di coscienza di un “non morto”.

Nel cast di On the 3rd Day (Argentina – 2021) figurano Mariana Anghileri, Arturo Bonín, Diego Cremonesi, Mathias Domizi, Verónica Intile, Rodolfo Ranni, Lautaro Delgado Tymruk e Gerardo Romano.
La sceneggiatura è di Alberto Fasce in collaborazione con Gonzalo Ventura.
On the 3rd Day è basato sul romanzo 3 Días del co-sceneggiatore Gonzalo Ventura.

 

 

 

On the 3rd Day (2021) è il titolo del nuovo horror di Daniel De La Vega, regista argentino noto per aver diretto Jennifer’s Shadows e Necrofobia. Con On the 3rd Day (aka Al Tercer Día), il regista sonda il sottogenere del vampire movie fondendolo col genere drammatico in cui viene esaltata una storia amara e avvolta dal mistero. Quest'ultimo è amplificato dall'uso di flashback che, oltre a gettare luce sulla verità, delineano la vera anima oscura del film. La trama vede protagonista Cecilia (Mariana Anghileri), una donna separata che decide di fare un piccolo viaggio in auto insieme a Martín,…

Considerazioni finali

Score - 70%

70%

Score

Sommario: Caratterizzato da uno svolgimento della storia lento ma profondo, utile a sottolineare un tagliente crescendo di ansia e di orrore quasi tangibili, On the 3rd Day è un atipico e rilevante film sui vampiri che si distingue, oltre che per una regia e una fotografia eleganti ed esperte, anche per la rappresentazione della particolare evoluzione e presa di coscienza di un "non morto".

User Rating: Vota per primo!
70

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »