La perdición: teaser e immagini del disturbing drama ispirato alla storia del serial killer Robert Hansen

La perdición: teaser e immagini del disturbing drama ispirato alla storia del serial killer Robert Hansen

DVD horror extreme TetroVideo

Presentiamo in anteprima il teaser trailer e otto nuove immagini de La perdición (2021), il nuovo film di Domiziano Cristopharo (House of Flesh Mannequins, Xpiation). Le riprese si sono svolte sulle isole Canarie.
Interpretato da Nicholas Sartori, Lorenzo Vivian e Davide Iaconis, il film è il secondo capitolo della “Trilogia dell’isola” di cui fa parte Eldorado (attualmente in post-produzione).
La perdición è liberamente ispirato alla storia di Robert Hansen, il serial killer statunitense noto come “il cacciatore di donne” e “Butcher Baker”, responsabile di aver rapito, stuprato e ucciso diciassette donne tra il 1971 e il 1983. L’assassino aveva l’abitudine di rapire e trasportare le sue
vittime in una landa desolata per poi cacciarle come animali.

In merito a La perdición, Domiziano Cristopharo ha rivelato: “Perdersi per ritrovarsi. “Perdicion” in spagnolo significa sia destino che rovina… ma può la rovina, intesa come il distruggere ciò che siamo, portare ad nuovo io?
Tanti anni dopo Red Krokodil, torno a pormi delle domande e a esplorare il cinema indipendente per avere risposte. Proprio come in Red Krokodil, ho distrutto i canoni del mio (fino ad allora) cinema tradizionale, in questa Trilogia dell’isola (tutta girata alle Canarie) torno a mettermi alla prova, raccontando le mie sensazioni con una handycam da poche centinaia di euro, avvicinandomi al Dogma di Lars von Trier cercando di escludere l’uso di effetti speciali e tecnologie elaborate“.

E ancora il regista ha aggiunto: “Se nel primo film, Eldorado, si affronta un viaggio di distruzione mistico legato alla magia, per un percorso di elevazione spirituale che passa attraverso il sacrificio fisico, ne La perdición accade esattamente l’opposto.
Il film si ispira alla storia di Robert Hansen per sviluppare autonomamente un discorso legato alla manipolazione psicologica, la costrizione ed il cedere agli istinti umani più bassi.
L’apparente ambiguità, l’assenza di spiegazioni esplicite e, in definitiva, la messa in scena aperta che mi offre questo script invita gli spettatori a sostituire i sensi al linguaggio, permettendo di intravedere qualcosa che si pone oltre al filtro della nostra percezione, nello spazio del sentimento, una coscienza a monte della ragione”.

Il teaser trailer:

Il poster:

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »