Mécanix | Recensione film

DVD horror extreme TetroVideo

mécanix-posterMécanix, il film canadese scritto e diretto dal visionario Rémy M.Larochelle nel 2003, è una fiaba nera della durata di circa un’ora che, in un mélange di generi fra cui l’animazione (con la tecnica della stop-motion), il fantasy, l’horror e lo sperimentale, presenta una visione della vita decadente, cupa e claustrofobica. Intinta in una fotografia color seppia (Mélissa Hebert, Samuel Cloutier) e pervasa da suoni macabri (ad opera del direttore del suono Daniel Lagacé), lamenti, voci distorte, echi e urla disturbanti, la storia apre la strada a più interpretazioni.
In Mécanix (attualmente l’unico film scritto e diretto da Rémy M.Larochelle) ci si lascia trasportare da immagini terrificanti, in cui sono immortalate creature mostruose animate con la tecnica della stop-motion e che comunicano con gesti, bisbigli e lamenti.

mécanixQuello che è rappresentato è un esanime universo senza sogni e in cui le creture bio-meccaniche (per cui sottolineiamo la bravura e la lodevole fantasia nel realizzarle) che lo governano, costringono gli ultimi esseri umani alla schiavitù. Tali creature non temono nulla, solo l’embrione dell’universo, l’origine di tutto e quindi della vita stessa e che è nascosto nelle viscere dell’ultimo uomo nato libero. Lo scienziato che lavora per questi mostri, inizierà a vivisezionare ogni essere umano sul pianeta al fine di trovare l’embrione e distruggerlo una volta per sempre.

In questa dimensione buia e contorta, in cui non c’è spazio per la luce e per melodie ma che è carica di un buio appestante circondato da un rumore persistente, assistiamo a continui esperimenti durante i quali vengono anche eseguite eviscerazioni (non mancherà un autosventramento), volte alla ricerca dell’embrione.

Mécanix4In Mécanix è stato ricreato un inferno in cui si riesce quasi a percepire l’odore della morte e che come tale, tormenta visivamente e uditivamente lo spettatore.
I continui ingranaggi (e i relativi rumori martellanti) che sembrano mandare avanti la folle ricerca delle creature bio-meccaniche, per un certo verso potrebbero rappresentare, metaforicamente, il “meccanismo” di un cervello in crisi, quindi una visione folle del protagonista, il suo inferno personale popolato da mostri interiori.

Oppure, semplicemente, Mécanix si potrebbe tradurre come la visione surreale e metafisica della vita e della morte secondo lo sceneggiatore e regista. Quello che è certo è che Mécanix trascina lo spettatore in un vortice malsano fatto di immagini e suoni  per portarlo a interrogarsi sul ciclo della vita e della morte.
Mécanix è un meraviglioso viaggio surreale e horror in cui perdersi.

Nel cast del film: Stéphane Bilodeau e Julie-Anne.

Il film è stato recentemente acquisito da Unearthed Films, label statunitense nota per le sue distribuzioni estreme.

Review Overview

Score - 70%

70%

Score

Mécanix è una devastante visione surreale e metafisica sul ciclo della vita e della morte. Un meraviglioso viaggio horror in cui perdersi.

User Rating: 3.35 ( 2 votes)

Check Also

Freaky | Recensione film

Diretta da Christopher Landon (Manuale Scout per l’apocalisse zombie, Auguri per la tua morte), Freaky …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »