Two Sisters | Recensione film

Two Sisters | Recensione film

DVD horror extreme TetroVideo

two-sisters-locandinaSu-mi (Su-Jeong Lim) e Su-Yeon (Geun-Yeong Mun), due sorelle dalla vita tuttaltro che facile, dopo un periodo passato in una clinica psichiatrica, fanno ritorno a casa accompagnate dal padre che nella loro vita è praticamente una figura assente e distaccata. Nella lussuosa villetta le attenderà anche la loro matrigna Eun-Joo, brava donna di casa e molto curata d’aspetto, ma che le ragazze non hanno mai accettato, visti i suoi modi poco cortesi nei loro confronti. Le giovani, inoltre non hanno ancora supeto la tragica morte della loro vera madre. A completare il tutto si aggiunge una alquanto misteriosa presenza che è solo visibile dalla piccola Su-Yeon. Ma, è tutto così semplice?

Questa ghost-story, prodotta nella Corea del sud, è tragica, angosciante e, come tutti i film orientali, di una lentezza quasi insostenibile. Se non amate i film lenti, non andate a guardarla, rischiereste di annoiarvi, al contrario, questa è una chicca imperdibile.
Durante tutta la visione di Two Sisters (2003), di certo non manca la tensione, ne tanto meno i momenti da brivido. È un horror psicologico capace di incollare lo spettatore alla poltrona e in certi momenti di farlo sobbalzare.
Notevole la capacità di far durare un film 115 minuti, girato quasi interamente in una sola casa e con solo 4 attori, senza stancare lo spettatore.
Il regista Kim Ji-Woon, ha voluto usare dei colori che non erano ancora apparsi in un film coreano, il risultato è stato eccellente, riuscendo a riprodurre colori caldi e delicati.
Il titolo originale (Janghwa, Hongryeon) è il nome della antica leggenda da dove prende spunto il film e tradotto significa “Fiore di rosa, Loto rosso”. Two sister non è stata la prima pellicola a portare sullo schermo questa leggenda, ce ne sono state altre prima, come il primo trattamento cinematografico, che al 1925.
La conclusione di questa pellicola è lasciata allo spettatore, non c’è il classico finale dove tutto viene spiegato razionalmente, così che chi lo stia guardando debba solo ascoltare e vedere per capire. Su quale conclusione sia giusta o sbagliata ci si potrebbe quindi discutere all’infinito visto che ognuno ha le proprie idee e un proprio modo di interpretare i fatti.
Ad ogni modo, per comprendere maggiormente la vicenda, guardare il film una sola volta non basta, consiglio quindi una seconda visione.
Caldamente consigliato!

Recensione di VAMPIRA

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »