I Violentatori della Notte | Recensione film

I Violentatori della Notte | Recensione film

DVD horror extreme TetroVideo

i-violentatori-della-notteUn ricco multimilionario newyorkese (Terry Savalas) ingaggia il detective Sam Morgan dopo la scomparsa della figlia Barbara Hallen, modella di successo trasferitasi a Parigi. Le piste seguite dal capace ispettore porteranno ad una clinica di chirurgia estetica tenuta dal dottor Flamand e la moglie (Brigitte Lahaie) nei dintorni di Parigi nella quale risiedono strani personaggi il cui compito è quello di rapire avvenenti fanciulle, poi segregate in celle sotterranee, al fine di ridare giovamento alle vecchie epidermidi delle clienti.

I Violentatori della Notte rappresenta una delle pellicole più curate ed estroverse del regista spagnolo Jess Franco (Jesus Franco), da troppi considerato il re del trash europeo.
A discapito del titolo forse un po’ troppo esplicito ma sicuramente fuorviante (quasi un rape & revenge), questo film si presenta come un “medical-horror” dalle forti connotazioni splatter con tinte erotiche, ben sottolineate dalla conturbante presenza di una Brigitte Lahaie, ex pornostar francese tanto cara al genere (Jean Rollin su tutti) in gran forma. Nel film figura, anche se in secondo piano, il volto noto di un Terry Savalas (chi si dimentica l’ispettore Kojak? N.d.D.) stanco e decisamente fuori scena.
I Violentatori della Notte è un film “diverso”, forte di una trama a sé stante e ben lontana dagli innumerevoli filoni degli stessi anni, che riesce a tenere lo spettatore incollato alla sua poltrona grazie ad un’infinità di effettacci splatter e gore (l’operazione effettuata sul viso della bella attrice fa scuola) ed alla naturale capacità di Franco di inserire nuovi personaggi sempre azzeccatissimi durante lo svolgersi degli eventi.
Se questo non dovesse bastarvi, potrete sempre sollazzarvi con le numerose scene sexy tanto care al regista madrileno.
Da avere.

Recensione di Cerbero

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »