Leprechaun | Recensione film

Leprechaun | Recensione film

DVD horror extreme TetroVideo

leprechaun-locandinaDan O’Grady (Shay Duffin) torna dal funerale della madre, svoltosi in Irlanda, felice e ricco: ha rubato l’oro al Leprechaun, un folletto che nasconde grandi tesori alla fine di un arcobaleno.
Ma il demonietto è un po’ adirato: lo segue fino a casa, uccide la moglie di Dan e rivuole il suo oro.
Tuttavia viene rinchiuso in una cassa e posto in cantina.
Diversi anni dopo una ragazza (Jennifer Aniston) arriva in questa casa comprata dal padre per passare le ferie.
Durante i lavori di restaurazione, il Leprechaun (Warwick Davis) viene liberato e qualcuno gli ruba le monete…

Tra i serial killer del cinema horror, il Leprechaun ha una posizione un po’ anomala.
Non è famoso come Jason o Freddy, ma è pressocché invincibile. Solo un quadrifoglio lo può indebolire, ma come trovarlo è alquanto complicato.
Inoltre ha poteri illimitati: cambia la voce “ruabandola” alle sue vittime, è molto forte, compare e scompare facilmente.
Ha uno stile tutto suo: parla in rima,si sposta in triciclo, è spilorcio come pochi.
Warwick Davis è perfetto nei panni del folletto, supportato anche da un buon trucco.
Ma è proprio la “perfezione” di tale cattivo a far sminuire il valore di tutto il resto del film: i personaggi di contorno sono poco interessanti.
Un minimo di simpatia viene portata dal grassone un po’ ritardato e dal suo amico, ma tutti i comprimari sono delle macchiette.
E’ indubbio che i momenti più divertenti e gore sono quando il Leprechaun è in azione.

Costato 900.000 dolari, incassò quasi dieci volte tanto e diede il via a diversi seguiti, spesso per il mercato home video.
La giovanissima Jennifer Aniston si segnala solo per la bellezza fisica.

Recensione di Zick

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »