Intervista a Niky Hearts, modella gothic e horror

Intervista a Niky Hearts, modella gothic e horror


niky-heartsLe foto di Niky Hearts, modella, fotomodella e ragazza immagine, popolano portali, webzine, magazine e calendari. Dagli scatti Glamour o Alternative fashion alla Moda Gothic e Book fotografici horror, questa bellissima ragazza ha collaborato con più di cinquanta fotografi professionisti e post produttori sia in Italia che all’estero, ora è stata anche coinvolta in un videoclip musicale e in un film horror italiano.
Facciamole qualche domanda per capire chi si cela dietro questo nome d’arte e se le foto horror in cui lei è la regina sono lo specchio della sua anima!

A: Chi è Niky Hearts?

B: Niky Hearts è una ragazza semplice, con la passione per la fotografia e delle storie dell’orrore, è una ragazza vivace a cui piace ridere ed essere solare, un po’ permalosa ma che farebbe di tutto per i suoi amici e per le persone che tiene a cuore.

A: Quando nasce in te il desiderio di diventare modella?

B: Più che desiderio di diventare modella, nel 2006 ero molto appassionata di fotografie “dell’orrore”, collezionavo un sacco di immagini di numerosi artisti che mi attiravano e magari mi rispecchiavano anche un bel po’, quindi quando sono diventata leggermente più grande ho sentito il bisogno di esprimermi attraverso la fotografia, non solo esprimermi creativamente organizzando/creando vestiti particolari (nei miei canoni perchè non sono mai stata una ragazza con molti soldi), ma anche inserendo nelle fotografie che ritraevano oggetti tipici della mia vita diciamo, cose che ho sempre creduto mi rappresentassero, come bambole rotte, riferimenti ad Alice in Wonderland, e anche ai numerosi film dell’orrore per cui sono fissata, avendo da sempre un’attrazione per il “macabro” in generale, inoltre mi hanno sempre detto che “mi si riconosce dal mio viso che sono ““Dark”” diciamo, i vestiti poi mettono il loro, ma sono sempre stata portata grazie al mio aspetto fisico a questo tipo di “personaggi” con sguardi inquietanti, e scene bizzarre.

A: Perché questo nome d’arte?

B: Il mio nome d’arte ha vari motivi… Niky è ovviamente perchè mi chiamo Nicole, e tutti da una vita mi hanno dato quell’abbreviativo e ho tenuto a tenerlo, Hearts sta per una passione per le texture a cuori e qualsiasi cosa di questa forma che ho sempre avuto fin da piccola, ma deriva anche dalla Regina di Cuori di Alice, che è stato uno dei miei primi servizi fotografici ad avere più successo. Alla fine ho deciso di tenere entrambi perchè mi piaceva un nome corto, originale e senza tanti fronzoli.

A: Quali sono state le tue prime esperienze positive che ti hanno invogliato a svolgere con passione questa professione?

B: Sicuramente scattare in Germania con diversi artisti, sono migliorata parecchio da quando sono tornata, non solo nelle pose, nello scegliere i vestiti ma anche fisicamente. Agli inizi avevo più il viso tondo a bambola, ero più Lolita, essendo dimagrita molto ho potuto sperimentarmi anche con altri generi più sexy come il fetish, con abiti in Latex, sfilare su passerelle, collaborare con bravissimi stilisti ecc, e allora ho continuato su questa via, con la voglia di sperimentare e avere più contratti possibili (sempre nei canoni dei generi che faccio).

A: Perché i tuoi set fotografici sono prettamente horror? Ti rispecchi maggiormente nel genere orrorifico? Se sì, perché?

B: Prettamente no. Ho fatto anche numerosi scatti Glamour o Alternative fashion, ma il genere Horror è quello che preferisco. Non mi considero una modella come può essere una ragazza che sfila per Giorgio Armani, voglio restare nel “Bizzarro” perchè lo sento un genere mio, e mi diverto anche tantissimo a farlo, mi porta anche molte più soddisfazioni. Mi rispecchia non so perchè… lo sento mio! E’ da sempre che ho queste passioni e non mi sono mai domandata perchè… ho sempre saputo di essere attratta dall’horror e dalle cose inquietanti fin da quando ero bambina, forse ci sarà qualcosa di fondo, chissà! C’è sempre qualcosa di fondo alle grandi passioni, e si riconosce subito chi le ha veramente e chi le ha per “moda”.

A: Qual è il tuo Book fotografico preferito?

B: Ho talmente tante foto che rispondere a questa domanda è un problemone! Le mie preferite in generale sono quelle più “macabre”, che secondo me non sono ancora abbastanza “macabre” per come vorrei realizzarle e per i miei gusti, sicuramente il servizi fotografici che mi hanno dato più soddisfazione sono quelli con Dani Mesk, Miss Sorry, e con Matteucci PreMortem Art con i vestiti e accessori della bravissima DIKTATOR. Le foto con le bare sono senza dubbio le mie preferite!

A: Cosa ami del tuo lavoro e cosa invece detesti?

B: Amo la creatività che mi tira fuori, detesto il fatto che in Italia coltivarlo come lavoro vero e proprio è un’impresa, io personalmente ho anche altri lavoretti fissi che mi permettono di vivere tranquilla, soltanto con la fotografia “underground”, in Italia la vedo impossibile viverci… e ricordiamoci che non poso nuda (cosa in Italia molto importante :P)! Non mi piacciono nemmeno molte persone con cui vengo a che fare, ha i suoi pro e i suoi contro, riesco a conoscere ogni giorno tantissime persone, di cui molte meravigliose, creative e grandi artisti, altre che mi fanno venire davvero la voglia di non confondermi tra loro, ma è così in tutti i campi.

A: Negli scatti che ti ritraggono sembri sempre a tuo agio. Per cosa o per chi non poseresti mai?

B: Vero, quando poso o organizzo un servizio fotografico mi piace sempre avere la massima stima e fiducia del/la fotografo/a e delle persone con cui collaboro, non scatto con chiunque e non mi piacciono le persone che ti trattano con superiorità, non poserei mai per delle persone per cui non ho stima e rispetto, o che comunque hanno un portfolio sotto i miei standard…

A: Sei la prima modella ufficiale italiana del noto Gothic-Industrial social network VampireFreaks, puoi parlarci di questa tua esperienza?

B: E’ un’esperienza molto bella, mi permette di tenermi in contatto con altre modelle del mio genere famose in tutto il mondo, scambiarci consigli, idee, opinioni, fare amicizia con musicisti e artisti, avere più collaborazioni per quanto riguarda la creazione di flyer nei locali o eventi Gothic-Industrial, per promozione pubblicitaria di discoteche, concerti, vestiti, molte cose insomma, mi ha permesso di conoscere modelle straniere stupende e soprattutto umili, che è la cosa che più conta, DJ americani, Musicisti, è una gran bella esperienza e sono felice di essere la prima Italiana a viverla.

A: Ti ritroviamo come protagonista anche nel videoclip Mrs. Web (the return of) dei Susy Likes Nutella, come sei stata scelta? E’ la prima volta che ti hanno contattata per la realizzazione di un video musicale?

B: Credo di essere stata in lista con altre modelle, perchè comunque è importante che dietro a un obbiettivo ci si sappia muovere/atteggiare. Sono contenta che abbiano scelto me perchè mi piace molto come band, sono persone che stimo e anche la canzone mi è piaciuta moltissimo, è stato bravissimo anche il regista che ha saputo creare un video molto bello.

A: Oltre a sfilare, a posare per bravissimi fotografi anche per servizi di Hair styling, sei anche la modella di brand clothing come Diktator Fashion Lab. Per quest’ultimo brand hai posato con addosso dei bat bikini in una bara di legno. Puoi parlarci di questo set fotografico dal tocco horror?

B: Certo, DIKTATOR ha una collezione di vestiti, accessori e intimo gothic molto belli, sono stata felicissima di posare per questi ultimi perchè come servizio fotografico lo sento molto mio e mi ci rispecchio. L’outfit creato da DIKTATOR è dei miei preferiti, questa stilista è bravissima e consiglio a tutti di dare un’occhiata alle sue pagine e comprare i suoi capi. Io ho una passione per i suoi capi intimi con i pentagrammi, li trovo stupendi, è un grande onore per me aver collaborato con lei.

A: Hai partecipato come personaggio secondario al film horror di Marco Rosati la cui uscita è prevista per quest’anno. Puoi svelarci qualcosa su questo lungometraggio, in particolare puoi parlarci del personaggio che interpreti?

B: Si tratta di un lungometraggio indipendente di questo regista appassionato come me di serial killer, musiche particolari, orrore ecc.. purtroppo non posso parlare molto, comunque farò una parte molto piccola riguardante una delle vittime, di più non posso dire!

A: A febbraio compari su Rebelicious Magazine #18. Che sensazione provi nel vedere le tue foto su una rivista?

B: E’ una sensazione che fa sempre piacere, sono uscita nel 2012 su Bizarre Magazine UK e su Tattoo Italia. Adesso punterò soprattutto alle pubblicazioni su riviste e magazine perchè ho vari progetti in porto che tengo molto a realizzare, mi lancerò più sulla promozione in marchi, abbigliamento e sulla pubblicazione in riviste che sulla promozione nei social network.

A: Hai in programma il calendario 2015 per VampireFreaks, sai già quale mese dovrai rappresentare? Hai già in mente lo scatto perfetto da inviare per il calendario?

B: Si, il mese non lo saprò credo fino all’ultimo, il tema è già stato scelto e saremo in molte modelle ufficiali a doverlo rispettare (non posso parlare del tema purtroppo) ma fidatevi che sarà veramente molto affascinante e inquietante come piace a noi.

A: Ci parli del Black and Violet Shop? E’ una tua idea?

B: Black and Violet shop è un’idea mia e di amici per vendere abbigliamento “alternative” avanzato da negozi fisici oppure usato per le fotografie ma praticamente nuovo, a poco prezzo. Io oltre a partecipare come modella assieme ad altre ragazze, mi occupo saltuariamente della spedizione o del ritiro dei vestiti, gestione pagine ecc, ma ci scambiamo diversi compiti e non è detto che sia sempre io a rispondere!

A: Quali sono i tuoi progetti futuri?

B: Mi piacerebbe molto imparare meglio le lingue che conosco e utilizzare questo per crearmi una professione stabile che mi porti soddisfazioni, sicuramente anche continuare a migliorare come modella e scattare più spesso all’estero.

A: Quanto ami il cinema horror? Quali sono i tuoi film preferiti?

B: Mi piace moltissimo, i miei preferiti sono Rose Red, IT, Rosemary’s Baby, L’inquilino del terzo piano, Profondo Rosso, Suspiria, Dark Water, Nightmare, La casa dei mille corpi.

A: Visto che adori bambole e orsacchiotti, ti piacciono gli horror doll movie? Se sì, quali sono i titoli che preferisci?

B: Senza dubbio Dolls 1987, Chuky Child’s Play (mi piace tutta la saga tranne l’ultimo remake che è veramente brutto a parere mio), Poltergeist (se consideriamo il clown), Puppet Master 1989, Devil Doll 1964, Magic 1978.

A: Che genere di musica ascolti?

B: Mi piace la musica in generale, ascolto moltissimo i Dimmu Borgir, Cradle of filth, Anthrax, Children of Bodom, Amanon Amarth, Cannibal Corpse, ma apprezzo anche i Depeche mode, Cranberries, The Smiths e molti altri gruppi, sicuramente il genere che preferisco è quello Metal.

A: Una tua opinione su questa intervista!

B: E’ stato divertente, Grazie!

A: Lascia un messaggio agli amici di DarkVeins!

B: Seguitemi, e diffidate dalle conigliette “goth” fasulle! Ciao <3

A: Grazie Niky Hearts!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »