Intervista al regista brasiliano Ulisses Da Motta Costa

Intervista al regista brasiliano Ulisses Da Motta Costa

DVD horror extreme TetroVideo

ulissesIntervista a Ulisses da Motta Costa, il regista brasiliano di Kassandra, il corto in bianco e nero che è stato premiato al 41° Festival Internazionale del Cinema di Gramado (2013) nella sezione Curta-metragem Gaúcho come Migliore Fotografia (a cura di Plablo Chasseraux).

L: Ciao Ulisse, parlaci un po’ di te. Dove sei cresciuto? Qual’è il tuo background? Cosa ti ha spinto ad entrare nel mondo del cinema?

U: Cercherò di essere sintetico. Sono nato e cresciuto nel Brasile del Sud, in campagna. Ho vissuto in una piccola fattoria fino all’età di 22 anni, in una piccola città chiamata Montenegro, nello Stato del Rio Grande do Sul. Come la maggior parte dei brasiliani, sono il risultato di un incrocio di razze molto speciali, dunque sono in parte portoghese, arabo, guarani, tedesco, francese e, naturalmente, in parte anche italiano! Un’intera parte della mia famiglia usa ancora il cognome del nostro antenato italiano, Manfredini.

Comunque, per quanto riguarda il cinema: il mio gioco preferito da bambino era quello di immaginare i film. C’era un vecchio cinema in città, ma era lontano da casa e ci sono andato solo un paio di volte nella mia infanzia. Così, quando mia madre finalmente ebbe i soldi per comprare un videoregistratore, nei primi anni ’90, ho iniziato a guardare tutti i film che ho potuto. Non mi ci volle molto tempo per decidere che sarei diventato un regista, che era un problema allora: la produzione cinematografica brasiliana stava vivendo la sua peggiore crisi di sempre, con l’uscita di un solo lungometraggio all’anno. In quel periodo la gente diceva che il nostro cinema era quasi morto. Le uniche università con il corso di laurea in cinema erano a Rio de Janeiro e a São Paulo, a più di 1.000 chilometri da dove abitavo.

Quindi, ho dovuto aspettare di essere adulto, aspettare di trasferirmi a São Leopoldo, una città più grande vicino alla capitale dello Stato; aspettare che la produzione cinematografica brasiliana si risollevasse; aspettare che arrivassero le fotocamere digitali sul mercato, per arrivare finalmente nel 2004, quando a 25 anni ho cominciato a produrre il mio primo cortometraggio, O Gritador. Eppure per completare il mio primo corto di 15 minuti ci ho impiegato quasi tre anni! Ma da allora, ho sempre lavorato con il cinema, a volte come critico cinematografico, a volte come insegnante di cinema, a volte come produttore, regista e scrittore in piccoli progetti.

kassandra1L: Sei il regista di Kassandra, un raffinato cortometraggio horror in bianco e nero. Hai realizzato questo film per te o per il pubblico?

U: Penso che realizziamo film che ci piacerebbe vedere. Nessuno dedicherebbe giorni, mesi, anni della propria vita per fare qualcosa che non vuole guardare, credo. Ma penso anche che i film creati siano una sorta di liberazione, o almeno di proiezione delle nostre fantasie. I film sono sia una rappresentazione di come il mondo dovrebbe essere, sia una buona terapia. Kassandra è un film del secondo tipo. Ma, nel momento in cui decido di fare un film, inizio a pensare al pubblico. Usiamo moltissimo la parola portoghese “Espectador”, che significa solo una persona tra il pubblico. Qualcuno che non conosci, un uomo o una donna senza volto. Mi piace pensare che questa persona voglia solo essere parte di una storia, a prescindere che questa storia sia breve o epica. Quindi, voglio che l’ “Espectador” vada di pari passo con i personaggi e la storia che stiamo raccontando. Anche se è una storia difficile.
E ho sempre voluto lavorare con il bianco e nero. Quando l’idea del film è scoppiata nel mio cervello, era già senza colore. Fin dall’inizio è stata una storia da raccontare solo con luce e ombre.

kassandraL: Il tuo film si occupa di disturbi d’ansia (disturbo da stress post-traumatico, mutismo e agorafobia). Perché questi temi?

U: Beh, come ho già detto, un film può purificare chi lo realizza… mi sono preso cura di una persona che aveva problemi psichiatrici per alcuni anni. E ‘stata una complicata, dolorosa e intensa esperienza per entrambi. Dopo aver visto il film di solito la gente mi chiede: come ti è venuta questa idea? Naturalmente, Kassandra non racconta una storia vera o qualcosa del genere. Forse è la vendetta che non c’è mai nella vita reale, hehehehe. Ma queste idee sono nate dalla mia osservazione e dalla mia esperienza di ciò che stava accadendo a qualcuno a cui ero vicino.

L: Dicci qualcosa sul titolo. Perché “Kassandra”?

U: Diciamo che l’idea di Kassandra ha preso la mia mente in un attacco massiccio e coordinato. La maggior parte dei concetti principali del film sono nati nello stesso momento, una notte d’inverno, insieme al nome della protagonista. Lei ha delle visioni che nessuno crede siano reali, così mi sono ricordato di Cassandra della mitologia greca, una sacerdotessa che è stata condannata a prevedere il futuro ma a non essere creduta. La K nel suo nome è un riferimento a questo personaggio leggendario, anche se non è sicuramente un ammodernamento o un adattamento moderno del mito.

kassandra2L: Cassandra ha avuto moltissimi sostenitori. Cosa ne pensi del crowdfunding?

U: E’ una cosa meravigliosa. La prova che si tratta di qualcosa di importante è il fatto che, sempre più registi e artisti già noti dai media e dal pubblico e con risorse disponibili stanno preferendo il crowdfunding, perché li libera dalla società o dalla burocrazia del governo. L’artista non deve negoziare per raggiungere la propria indipendenza creativa, non deve reggere il gioco degli interessi all’interno di uno studio o di una casa discografica. Il pubblico decide cosa vale la pena di essere sostenuto. E’ come una “selezione naturale artistica”, se così si può dire. Naturalmente, se sei un artista indipendente, o un principiante, non puoi chiedere un milione di dollari. Devi trovare la tua strada con 1.000 dollari. Ma sono 1.000 dollari provenienti da persone che credono in te, o almeno credono nel tuo progetto. Questo tipo di supporto è più importante del denaro stesso.

L: Hai fatto altri film prima di questo? Se sì, quanti? Puoi parlarcene? Cosa ci puoi dire di “O Gritador”?

U: Sì, Kassandra è il mio terzo cortometraggio. Non mi piace ripetermi, perché ho interessi per diversi soggetti. E mi piacciono anche diversi tipi di cinema e i suoi innumerevoli generi. Quindi, “O Gritador” (2006, credo che possiamo tradurre come “L’urlatore” in italiano, “The Screamer” in inglese), doveva essere una sorta di film d’avventura ma alcuni lo considerano un film horror. Il mio secondo cortometraggio, “Ninho dos Pequenos” (“Nido dei Piccoli”, 2009) è completamente diverso: si tratta di un dramma familiare con un solo scenario e due attrici che parlano per tutto il tempo.

O Gritador” è stato un progetto folle, non solo per un regista esordiente ma per un’intera squadra alle prime armi. Come ho detto già in precedenza, ci sono voluti quasi tre anni per realizzarlo.
Ho condiviso la sceneggiatura e la regia con un amico, Carlos Porto. Il film parla di una leggenda folkloristica nel nostro Paese, Gritador. E’ una sorta di fantasma urlante che si aggira di notte nei boschi e nei campi. E se si risponde al suo urlo, il fantasma si avvicina sempre di più. Beh, le location si trovavano a più di 200 chilometri di distanza dalla nostra città in luoghi difficili da raggiungere: abbiamo rotto almeno due auto durante la ricerca e le riprese. Abbiamo anche deciso di utilizzare gli effetti visivi, con gli attori di fronte a una schermata blu e con disegni fatti a mano ed elementi CGI. Tutto questo, naturalmente, senza denaro. Ci sono alcune cose che solo l’ingenuità è in grado di fornire… Se volete vederlo, esiste una versione sottotitolata in inglese su Youtube.

L: Cosa ne pensi della crescente popolarità dei film indipendenti?

U: Credo che sia un fenomeno inevitabile. E’ più facile conoscere diversi tipi di espressione artistica su internet. Quindi, se sei interessato ad un certo argomento, puoi effettuare diverse ricerche su di esso. Troverai sempre qualcosa di nuovo. Si può andare più in profondità nelle cose che non hanno accesso ai mezzi di comunicazione. Ciò include non solo film ma anche musica, arti visive, fotografia…

L: Quali sono le tue maggiori influenze cinematografiche? Qual’è la classifica dei cinque film preferiti di sempre?

U: E’ una domanda difficile… penso che tutto ciò che guardiamo possa influenzarci. Penso che Bruce Lee sia nel mio DNA artistico così come Fritz Lang ma alcuni registi sono da esempio per me. Diciamo che Spielberg mi ha insegnato a circondarmi di collaboratori di talento, che Kubrick mi ha insegnato a non ripetermi, che Hitchcock mi ha insegnato l’importanza di pianificare prima quello che ho intenzione di girare e che Werner Herzog mi ha insegnato che bisogna essere un figlio di puttana per fare film.
A proposito della top five… Sembrerà completamente stramba, ve lo assicuro: “Ben-Hur” (1959), “Before Sunrise” (1995), “I predatori dell’arca perduta” (1981), “Metropolis” (1927) e “Il Buono, Il Brutto, Il Cattivo” (1966). E il mio regista preferito è Akira Kurosawa.

L: Chi è il tuo regista horror italiano preferito?

U: Lasciate che vi parli prima del mio rapporto con il cinema italiano! Quando ero un ragazzo, venivano trasmessi in TV tantissimi film che non sapevo fossero italiani (perché, ovviamente, questi film erano doppiati in portoghese). Così, ho passato un sacco di sabati pomeriggio a guardare vecchi film peplum come “I giganti della Tessaglia”, o “Gli ultimi giorni di Pompei”. E, naturalmente, alcuni film horror di notte, come “L’isola degli Uomini Pesce”. Ho visto molte volte su VHS una produzione italo-brasiliana degli anni ’80, “Nudo e Selvaggio” (aka “Cannibal Ferox 2″). Così, quando ho deciso che sarei diventato un regista, ho iniziato a cercare libri e riviste sul cinema. A quel tempo, tutto quello che ho trovato sui film italiani erano le opere di Fellini, Antonioni e Visconti, o sul neorealismo. Nessuna traccia del giallo, del peplum o dello spaghetti western, nemmeno di Mario Bava, Ruggero Deodato e Luigi Cozzi. Solo anni più tardi sono venuto a conoscenza di questo fantastico universo. Solo allora ho scoperto che questi film profondamente divertenti che ho visto da bambino erano italiani.
L’artista horror italiano che preferisco non è un regista, è una band! Mi piace molto il lavoro dei Goblin in “Suspiria”, “Profondo Rosso” e “Dawn of the Dead”. Ciò che hanno realizzato e ottenuto è assolutamente unico in termini di colonne sonore di film.

L: José Mojica Marins è un regista brasiliano molto amato. Cosa ne pensi del suo personaggio Coffin Joe (Zé do caixão) creato per il suo film À Meia-Noite Levarei Sua Alma?

U: Mojica è un colosso. E’ una grande influenza e un esempio non solo per i fan dell’orrore brasiliani ma per tutti i registi del Paese. Lui era un ragazzo senza istruzione cinematografica ed era semplicemente rivoluzionario per l’epoca, soprattutto negli anni ’60. Fu perseguitato e alcune delle sue opere sono state censurate durante la dittatura militare. Uno dei suoi film più intriganti, “Awakening of the Beast”, è stato realizzato grazie ai suoi amici che lo hanno prodotto. Eppure, la stampa originale è stata fermata dalle autorità governative. È stata data alla luce solo alcuni anni fa.
Ha anche fatto ogni tipo di film, non solo horror. Ha realizzato film sperimentali, western e per sopravvivere negli anni ’80 ha anche diretto film porno. A proposito del personaggio Zé do Caixão, credo che sia una delle più grandi icone horror di tutti i tempi. Sapete com’è stato creato? Mojica una volta sognò che il suo uomo con mantello e cappello lo portò a vedere proprio la tomba di Mojica. Si svegliò spaventato e decise di fare un film su questo uomo terribile. Ecco come è nato “À Meia – Noite Levarei Sua Alma “, un film sorprendente e potente per gli anni in cui è stato realizzato.

L: Chi sono i migliori registi brasiliani attuali?

U: Nel genere horror, il principale nome indipendente è Rodrigo Aragão che recentemente ha fatto una trilogia con zombie e mostri “Mangue Negro” (Mud Zombies), “A Noite do Chupacabras” (The Night of the Chupacabras) e “Mar Negro”(Dark Sea). Il mio amico David de Oliveira Pinheiro ha anche fatto una curiosa mescolanza di generi in “Beyond the Grave” (Porto dos Mortos). Fuori dall’universo fantasy e horror, ci sono un sacco di buoni registi, come Fernando Meirelles, Afonso Poyart, José Padilha (che ha diretto la nuova versione di Robocop) e Jorge Furtado, che lavora nel mio Paese ed ha una grande influenza sui miei lavori fin dagli anni ’90.

L: Chi sono i tuoi scrittori horror preferiti?

U: Confesso: non sono mai stato molto interessato alla letteratura horror. Ma l’idea di Kassandra è venuta quando leggevo At the Mountains of Madness. Quindi, come preparazione per il film, ho divorato le opere di Lovecraft. E ho fatto leggere anche alcuni dei suoi racconti al cast e alla troupe!

L: Qual’è il tuo prossimo progetto?

U: Ho un sacco di progetti! Chi non ce l’ha? In questi giorni sono al lavoro sul mio ultimo cortometraggio, “Luz Naturale” (“Luce Naturale”). Si tratta di un’opera sperimentale, interamente girata senza luce artificiale e con solo due attori in scena che conversano dopo aver fatto sesso. Sicuramente non è un horror! Sono stato a Rio de Janeiro recentemente, per lavorare come aiuto regista per il mio amico Victor Fiuza in un dramma sociale chiamato “Os Olhos de Cecilia” (“Gli Occhi di Cecilia”). Abbiamo girato la maggior parte di questo lavoro nella favela ed è stata un’esperienza davvero intensa. Sto anche producendo “Pelos Velhos Tempos” (“Per i vecchi tempi”, credo), un copione scritto da Roger Monteiro (lo sceneggiatore di Kassandra) e che sarà diretto da Pedro Barbosa.

E c’è un lungometraggio. Uno di questi progetti è un film science-fiction diviso in episodi sullo stesso universo, ciascuno dei quali è diretto da un regista diverso (me compreso). Il titolo provvisorio è “The End of History”. Un altro progetto è “O Pecado da Carne” (“Il peccato della carne”), un adattamento di uno spettacolo teatrale che a sua volta si basa sulla storia del primo serial killer brasiliano, un uomo che ha trasformato le sue vittime in salsiccia per poi venderla all’intera città nel XIX° secolo.

Oh, sì. Lo stesso Roger Monteiro sta cercando di convincermi a fare un altro film horror, ma con più sangue e intensità. “Kiumba” è il suo nome e riguarda un’entità afro-brasiliana che viene invocata quando qualcuno vuole vendetta. Ma ci sto ancora pensando…

L: Lascia un messaggio per la community di DarkVeins!

U: Voglio ringraziarvi per l’opportunità e mi auguro che Darkveins cresca sempre di più. E’ uno spazio virtuale impressionante. Saluti dal Brasile a tutti voi!

L: Grazie Ulisses! Ti auguriamo buona fortuna!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »