Ischidados: zombi e mamuthones sardi nella web serie italiana

Ischidados: zombi e mamuthones sardi nella web serie italiana

DVD horror extreme TetroVideo

ischidados1Da oggi online su Youtube la puntata pilota di Ischidados – I risvegliati, web serie ambientata in Sardegna i cui ideatori sono alla ricerca di fondi per il proseguimento nella produzione. Come si può evincere guardando l’episodio di oggi, l’isola italiana è già invasa dai morti viventi, ovvero dagli “ischidados” che tra l’altro non sono lenti come gli zombi romeriani o fulciani ma abbastanza veloci, quasi come gli infetti rabbiosi di “28 giorni dopo”. Apprezzabili gli effetti speciali del morto vivente colpito alla testa con un colpo di machete, del resto il gruppo Chunk pare sia contrario all’utilizzo della computer grafica e questo non può che gratificare gli appassionati del cinema horror old style.

Protagonista della storia è Gaia che raggiunge la Sardegna insieme agli amici per trascorrere una vacanza rilassante e divertente. Il luogo però è un groviglio di pericolosi zombi affamati ma ad aiutarla ci sarà un mamuthone armato di machete.

Ischidados – I risvegliati è il primo progetto prodotto da Chunk Collective il cui direttore creativo, Igor De Luigi, ne è l’ideatore. La regia è stata affidata a Eugenio Villani.
La Sardegna è stata scelta come location non solo per la sua particolarità geografica ma anche per i miti, leggende e tradizioni di cui è ricca. Elementi, questi, riletti in chiave horror e che rendono Ischidados una web serie molto interessante in cui la figura dello zombi è fusa con la cultura sarda.

Dell’episodio infatti non passa inosservato il “mamuthone”, celebre figura tipica del carnevale di Mamoiada in Sardegna che indossa una maschera scura di legno ed è coperto da pelli di pecora nera, mentre sulla schiena sono posizionati una serie di campanacci.
In Ischidados il costume e la maschera del mamuthone sono stati realizzati a mano da un artigiano di Mamoiada.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »