TetroManiac: eROTik | Recensione film

TetroManiac: eROTik | Recensione film

DVD horror extreme TetroVideo

eROTik (Italia, Turchia – 2019) è un horror estremo sulla necrofilia, tema scomodo già affrontato nel 1979 da Joe D’Amato in Buio Omega (a sua volta ispirato a Il terzo occhio del 1966) e, successivamente, nei film amatoriali ormai assurti a cult movie come Lucker – The Necrophagous (1986) e Nekromantik (1987).
Alla regia di questo malsano film dedicato ad una delle parafilie più rivoltanti c’è l’esperto Domiziano Cristopharo (House of Flesh Mannequins, Doll Syndrome), prolifico regista italiano che recentemente ha diretto il film extreme Xpiation e il body horror The Obsessed.

Con eROTik, Domiziano Cristopharo traccia una linea di congiunzione tra finzione e realtà dedicando questo film ad uno dei più terrificanti serial killer della storia. eROTik infatti è liberamente ispirato a Jeffrey Dahmer (1960 – 1994), l’assassino seriale statunitense noto anche come “Il cannibale di Milwaukee”. Dahmer fu condannato nel 1992 alla pena dell’ergastolo per atti di violenza sessuale, omicidio, necrofilia, cannibalismo e squartamento ma morì in carcere due anni dopo per mano di un detenuto.

eROTik-5
eROTik
è la rappresentazione di un orrore indefinibile in cui la vita e l’amore si fondono con la morte incutendo nello spettatore un pesante senso di oppressione.
In questo indigesto e disturbante film, le azioni dello psicopatico emulano quelle di Dahmer dando spazio alla sua crescente depravazione che sconfina in aberrazioni sessuali (fra cui l’autoerotismo con pezzi di cadavere), in azioni deplorevoli e nell’amore per tutto ciò che concerne la morte.
In particolare, eROTik approfondisce il tema necrofilo insistendo, con un tocco di pornografia e senza tabù, sui morbosi rapporti a sfondo sessuale ma anche sugli stadi della decomposizione.

In eROTik, Adam Western offre una valida e credibile performance immortalando un personaggio disturbato e tormentato che si lascia travolgere non solo dall’impulso omicida ma anche da un’ossessiva perversione sessuale che lo spinge ad avere rapporti con cadaveri di sesso maschile, o parti di essi, anche in avanzato stato di decomposizione. Il tutto in linea con il contesto funereo e facendo leva sull’erotismo (“erotik”) e sulla putrefazione (“rot”) a cui lo stesso titolo allude.

Ammaliante, pur essendo profondamente malato, eROTik custodisce all’interno della storia alcuni elementi che rimandano a Blood Feast come le pratiche mistiche dell’Antico Egitto e la santeria. Quest’ultima è collegata al culto dei morti a cui segue una sorta di rituale accompagnato da un’inaspettata danza che conduce ad uno stato di trance.
In eROTik l’amore per la morte spinge il protagonista a sbizzarrirsi con i cadaveri anche in altri modi. Il Dahmer di Domiziano Cristopharo tenta la via dell’imbalsamazione mostrando al pubblico un macabro procedimento che ingloba varie tappe: dall’omicidio al rigor mortis, fino SPOILER: all’asportazione del cervello per mezzo di un uncino infilato nel naso.

Anche in questo, il film si discosta dai precedenti titoli sulla necrofilia per la singolarità dell’inarrestabile personaggio e delle sue atroci azioni esaltate e rese credibili da ottimi practical effects (SPOILER: il chiodo conficcato nella testa, l’iniezione di acqua bollente, squartamenti, decapitazione, amplessi con cadaveri decomposti…) alcuni dei quali rimandano al cinema di Frank Henenlotter.

eROTik-4Con eROTik Domiziano Cristopharo offre una visione infernale e personale di una mente malata. Malsano, freddo come la fotografia che lo avvolge, questo film estremo mette in rilievo il rapporto tra carnefice e vittima, insistendo sulla violenza inflitta e ricevuta.
Deturpato dal disturbo psicosessuale e dominato da un’atmosfera decadente, eROTik è dotato di un accentuato fascino estetico e di un pregevole stile registico che lo contraddistinguono elevandolo a uno dei migliori film sulla necrofilia nonché del cinema estremo.

Prodotto da TetroVideo, eROTik è interpretato da Adam Western e da Simone Avincola (Xpiation). I practical effects sono stati realizzati da Athanasius Pernath mentre la musica è a cura di Antony Coia (House of Flesh Mannequins, The Obsessed).
Girato tra Turchia e Italia, eROTik è il primo film targato TETROMANIAC, la brutale serie extreme sui serial killer ideata da TetroVideo.

erotik-poster

eROTik (Italia, Turchia – 2019) è un horror estremo sulla necrofilia, tema scomodo già affrontato nel 1979 da Joe D'Amato in Buio Omega (a sua volta ispirato a Il terzo occhio del 1966) e, successivamente, nei film amatoriali ormai assurti a cult movie come Lucker - The Necrophagous (1986) e Nekromantik (1987). Alla regia di questo malsano film dedicato ad una delle parafilie più rivoltanti c'è l'esperto Domiziano Cristopharo (House of Flesh Mannequins, Doll Syndrome), prolifico regista italiano che recentemente ha diretto il film extreme Xpiation e il body horror The Obsessed. Con eROTik, Domiziano Cristopharo traccia una linea di…

Considerazioni finali

Score (Extreme) - 80%

80%

Score (Extreme)

Sommario: Deturpato dalla parafilia e dominato da un'atmosfera decadente, eROTik è dotato di un accentuato fascino estetico e di un pregevole stile registico che lo contraddistinguono elevandolo a uno dei migliori film sulla necrofilia nonché del cinema estremo.

User Rating: Vota per primo!
80

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »