Like Every Morning | Recensione cortometraggio

Like Every Morning | Recensione cortometraggio


Prodotto, scritto e diretto da Cédric Dupuis, Like Every Morning (aka Comme tous les matins) è un cortometraggio horror estremo francese del 2018. Il film è vincitore delle categorie “Best Short Film” e “Best FX” all’Optical Theatre Film Festival 2018, rassegna cinematografica italiana durante la quale è stato anche premiato come “Best Extreme” da Stephen Biro della Unearthed Films.

Il titolo di questo corto di appena 18 minuti si riferisce alla routine quotidiana del protagonista, un uomo inchiodato nel suo monotono iter giornaliero. Le sue azioni sono accompagnate dalla frase martellante “Comme tous les matins” (come ogni mattina), parole che scandiscono momenti ripetuti nel tempo e che, divenuti quasi meccanici, evidenziano una tagliente condizione di apatia che si allarga nelle settimane, nei mesi e negli anni.

Cédric Dupuis è abile nell’elaborare un perfetto contesto pessimistico in cui anche una semplice colazione diventa uno dei tasselli di una vita considerata “senza senso”. In questa pesante sfera di pessimismo, il personaggio (a cui non è stato dato alcun nome) si aggira come un automa facendo trasparire i suoi vizi e le sue perversioni. L’adescamento su internet, parafilie e l’omicidio rientrano fra i cliché della sua tediosa vita, così come le efferatezze che è in grado di compiere.
L’attore Olivier Bureau ben interpreta un personaggio disturbato e sadico che si divide tra pulsioni erotiche e istinto omicida rendendo quasi tangibile, con la sua performance, uno stato di forte disagio venato di follia.

comme-tous-les-matins-screenshot-2
Oltre che specchio sull’apatia, Like Every Morning diventa così lo scenario in cui si susseguono diverse forme di violenza e disumanità. I notevoli FX rendono reale qualsiasi colpo inferto sulla vittima (testa presa a martellate o fracassata con un seghetto elettrico, tagli con falciatrice e motosega) ed evidenziano, con lesioni e fiotti di sangue, i momenti più atroci ed estremi di questo cortometraggio francese (fra cui ferite nelle parti intime).

Immerso in una fotografia curata e cupa (in linea con il tema trattato), Like Every Morning è un singolare cortometraggio estremo che, oltre a divenire simbolo di pessimismo e morte, regala un finale sorprendente, inaspettato.

Nel cast del film troviamo Olivier Bureau e Mélanie Segura.
Equipe ATO e Atelier Trompe Oeil si sono occupati degli effetti speciali. La fotografia è di Fred Di Noto.

comme-tous-les-matins-screenshot-3

Prodotto, scritto e diretto da Cédric Dupuis, Like Every Morning (aka Comme tous les matins) è un cortometraggio horror estremo francese del 2018. Il film è vincitore delle categorie "Best Short Film" e "Best FX" all’Optical Theatre Film Festival 2018, rassegna cinematografica italiana durante la quale è stato anche premiato come "Best Extreme" da Stephen Biro della Unearthed Films. Il titolo di questo corto di appena 18 minuti si riferisce alla routine quotidiana del protagonista, un uomo inchiodato nel suo monotono iter giornaliero. Le sue azioni sono accompagnate dalla frase martellante "Comme tous les matins" (come ogni mattina), parole che…

Considerazioni finali

Score (Extreme) - 80%

80%

Score (Extreme)

Sommario: Immerso in una fotografia curata e cupa, Like Every Morning è un singolare cortometraggio estremo che, oltre a divenire simbolo di pessimismo e morte, regala un finale sorprendente, inaspettato.

User Rating: Vota per primo!
80

Un commento

  1. Dove trovarlo ?

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »