Hi8: Resurrectio | Recensione Film

Hi8: Resurrectio | Recensione Film


La label austriaca Black Lava attinge al cinema estremo per portare alla luce Hi8: Resurrectio (Germania – 2016), un valido horror/extreme tedesco. Scritto e diretto da Stefan Sierecki, Hi8: Resurrectio vede protagonista Steven (Oliver Troska), uno studente di cinema che, per la sua tesi di laurea, vorrebbe realizzare il film più gore di tutti i tempi nonostante le difficoltà legate alla distribuzione in Germania. Ad intralciare il suo obiettivo sono però la mancanza di denaro e il suo professore, contrario al genere horror. Un misterioso sito web darà a Steven la giusta motivazione per dare vita al suo film ma le conseguenze del suo sogno cinematografico avranno esiti nefasti.

hi-8-resurrectio
Questo horror estremo, dalla storia apparentemente scontata, si rivela in realtà un film potente sia dal punto di vista della sceneggiatura (che regala risvolti impressionanti e impensabili) ma anche degli effetti speciali (a cura di Philipp Rathgeber) che condiscono e arricchiscono quasi con realismo le scene più atroci (dita amputate, teste prese a martellate…). Un mix perfetto, questo, e che ben si plasma all’anima da snuff movie che Hi8: Resurrectio rivela ad un certo punto della storia.

In questo calderone di sogni, dolore e morte, dove le figure della vittima e del carnefice si invertono fino a diventare un tutt’uno, spicca altresì il profilo psicologico del protagonista (interpretato da un bravissimo Oliver Troska), un giovane che, combattuto tra i suoi ideali e le sue paure, scavalca e oltrepassa i confini legati al cinema ma anche alla vita.

Cangiante nei generi, sostenuto nel ritmo e brillante nelle scene più truculente, Hi8: Resurrectio è un bagno di sofferenza che ben si piazza fra i migliori film horror estremi recenti.
Nel cast: Oliver Troska, Piet Baltissen, Uwe Choroba, Marc Gruss, Moloch, Carola Schmidt, Joris Schwarz e Robin Stehr. La colonna sonora è di David Komann.

La straordinaria edizione proposta da Black Lava Entertainment, la label austriaca di Thomas Binder, si presenta con uno slipcase cartonato mentre l’amaray custodisce al suo interno sia il DVD (curatissima versione uncut del film) che il CD della colonna sonora (circa 80 minuti di musica).
Molto ricco anche il comparto dei contenuti speciali che raccoglie sette cortometraggi, il trailer e due teaser trailer di Hi8: Resurrectio.

DVD:
Durata film: 75′
Audio: tedesco 2.0
Sottotitoli: inglese
Aspect ratio: 16:9
Extra: Teaser #1, Teaser #2, Trailer; Bonus Movie: “Fütterung der Raubtiere”, “Herzstück”, “Interimere”, “Raum der Ausschweifung”, “Tote reden nicht”, “Vergeltung” e “Weihnachten”.
+
CD colonna sonora

La label austriaca Black Lava attinge al cinema estremo per portare alla luce Hi8: Resurrectio (Germania – 2016), un valido horror/extreme tedesco. Scritto e diretto da Stefan Sierecki, Hi8: Resurrectio vede protagonista Steven (Oliver Troska), uno studente di cinema che, per la sua tesi di laurea, vorrebbe realizzare il film più gore di tutti i tempi nonostante le difficoltà legate alla distribuzione in Germania. Ad intralciare il suo obiettivo sono però la mancanza di denaro e il suo professore, contrario al genere horror. Un misterioso sito web darà a Steven la giusta motivazione per dare vita al suo film ma…

Considerazioni finali

Score - 68%

68%

Score (Extreme)

Sommario: Cangiante nei generi, sostenuto nel ritmo e brillante nelle scene più truculente, Hi8: Resurrectio è un bagno di sofferenza che ben si piazza fra i migliori film horror estremi recenti.

User Rating: Vota per primo!
68

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »