Visions | Recensione film

Visions | Recensione film


Kevin Greutert, il regista di Saw VI (2009), Saw 3D – Il capitolo finale (2010) e Oscure presenze (2014), dirige Visions (USA – 2015), un thriller-horror sovrannaturale in cui giocano un ruolo fondamentale gli incubi e le allucinazioni della protagonista.

La storia infatti proietta le luci su Eveleigh (Isla Fisher), una futura mamma che si trasferisce insieme al marito David (Anson Mount) in una nuova casa con vigneto. Qui la donna sarà l’unica ad essere tormentata da strani rumori e da sinistre apparizioni. David invece è sempre più preoccupato per lo stato di salute di sua moglie, la quale, nel disperato tentativo di dimostrare la sua sanità mentale, inizia ad indagare sul passato dell’abitazione. Emersa alla luce, l’oscura storia del vigneto metterà in pericolo Eveleigh e il suo bambino.

visions-screenshot
La location scelta (la zona dei vigneti) è molto azzeccata e ben “intrappola” le allucinazioni di Eveleigh. La natura che in silenzio abbraccia la casa e la vita dei protagonisti sembra quasi spettatrice di eventi nefasti in procinto di verificarsi. Nel film inoltre è costante la sensazione di avere sotto gli occhi una storia complottista manipolata da una setta. I personaggi che affiancano la donna incinta infatti sono abbastanza ambigui, a cominciare dalla ricca mercante di vini (Joanna Cassidy). Una serie di indizi dunque fa pensare al cult Rosemary’s Baby, azzardando un paragone tuttavia molto difficile, anzi improbabile.

Il film di Greutert riesce a mantenere costante la situazione di pericolo in cui versa la protagonista. Un pericolo sovrannaturale o reale che però non è in grado di coinvolgere a pieno il pubblico. Come da titolo, Visions punta sulle visioni/anticipazioni del futuro, per poi sfociare in un finale a dir poco deludente e che ricorda in maniera spudorata il celebre Inside (À l’intérieur) di Julien Maury e Alexandre Bustillo.

Visions è, in definitiva, un horror debole che, nonostante le allusioni al film di Roman Polanski e a quello del duo francese, non riesce minimamente a trasmettere lo stato di ansia, terrore e angoscia che le due pellicole sono in grado di esercitare.
Molto soft anche nelle sequenze horror, Visions è un titolo mediocre, incapace di trasmettere alcun tipo di emozione e, proprio per questo, abbastanza dimenticabile.

Nel cast di Visions troviamo Isla Fisher (Ladri di cadaveri – Burke & Hare, Animali notturni), Anson Mount, Gillian Jacobs, Eva Longoria, Joanna Cassidy, Jim Parsons, Michael Villar, Bryce Johnson, John de Lancie, Annie Tedesco, Roberto ‘Sanz’ Sanchez e Jeff Branson.
Il film è scritto da Lucas Sussman.

Tra i titoli presenti nel catalogo Midnight Factory segnaliamo Visions (USA – 2015). Il film è disponibile in una limited edition da collezione in DVD e Blu-Ray (e anche in digital download). Come sempre, la suddetta label propone al pubblico edizioni molto curate, arricchite da slipcase, artwork interni e un booklet esaustivo che contiene la recensione e alcune info sul film.

Dati tecnici DVD:

Durata:78 min
Formato: 16/9; 1:2:35
Audio:Italiano – 5.1 Dolby Digital, Italiano – 5.1 DTS, Inglese – 5.1 Dolby Digital
Sottotitoli: Italiano
Extra: Trailer

locandina-visions

Kevin Greutert, il regista di Saw VI (2009), Saw 3D – Il capitolo finale (2010) e Oscure presenze (2014), dirige Visions (USA – 2015), un thriller-horror sovrannaturale in cui giocano un ruolo fondamentale gli incubi e le allucinazioni della protagonista. La storia infatti proietta le luci su Eveleigh (Isla Fisher), una futura mamma che si trasferisce insieme al marito David (Anson Mount) in una nuova casa con vigneto. Qui la donna sarà l’unica ad essere tormentata da strani rumori e da sinistre apparizioni. David invece è sempre più preoccupato per lo stato di salute di sua moglie, la quale, nel…

Considerazioni finali

Score - 50%

50%

Score

Sommario: Come da titolo, Visions punta sulle visioni/anticipazioni del futuro, per poi sfociare in un finale a dir poco deludente.

User Rating: Vota per primo!
50

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »