February – L’innocenza del male | Recensione film

February – L’innocenza del male | Recensione film


February – L’innocenza del male (Canada – USA – 2015) è il film che segna il debutto in cabina di regia di Oz Perkins, il figlio di Anthony Perkins, l’attore che ha interpretato Norman Bates nel cult Psyco. Come da titolo, la storia del film si svolge durante il freddo mese di febbraio, periodo delle vacanze scolastiche per la pausa di metà semestre. In February il Bramford College si svuota lasciando al suo interno Kat (Kiernan Shipka) e Rose (Lucy Boynton), due matricole che attendono l’arrivo dei rispettivi genitori.

Il tetro istituto cattolico femminile funge da agghiacciante location e da perfetto contorno ad eventi sorprendenti tra cui le inattese manifestazioni del maligno. Travestito da thriller, February infatti scivola con eleganza nel filone sulla possessione demoniaca regalando allo spettatore feroci momenti di follia. Invisibile, il male è percettibile come il gelo che spegne il calore della vita, come il grigiore che offusca la luce della religione cattolica e come unico rifugio per chi non conosce l’amore e vive un tragico e profondo senso di abbandono.
In February – L’innocenza del male vengono messi a nudo i personaggi che, vulnerabili, agiscono sotto l’influsso malevolo del Diavolo (da segnalare la bravura di Kiernan Shipka e di Emma Roberts).

february1
Nel film di Perkins, Kat (Kiernan Shipka) e Rose (Lucy Boynton) sono due matricole iscritte al Bramford College, un istituto cattolico femminile. Tutt’altro che amiche, le ragazze rimangono da sole nel campus per la pausa di metà semestre, costrette a vivere una convivenza forzata. Alle due si aggiungerà anche Joan (Emma Roberts), una giovane donna psicolabile.

Abbuiato da una fotografia cupa e sinistra (Julie Kirkwood), February è anche scandito da una musica tesa, in perfetta simbiosi con l’anima nera della storia (la colonna sonora è di Elvis Perkins, il fratello del regista). Il risultato è un film in grado di proiettare lo spettatore in una dimensione tetra che trasmette angoscia, tensione e solitudine.

Il cast: Kiernan Shipka, Lucy Boynton, Emma Roberts, Lauren Holly, James Remar, Emma Holzer, Peter J. Gray, Jodi Larratt, Matthew Stefiuk e Douglas Kidd.

february

February – L’innocenza del male (Canada, USA – 2015) gode dell’uscita home video italiana grazie a Midnight Factory. La label lo propone in DVD e in Blu-ray limited edition, entrambi con slipcase cartonato e corredati da un booklet esclusivo (contenente la recensione, info sul regista e sulle sue influenze cinematografiche).

Impeccabile l’edizione Blu-ray che presenta una qualità audio e video perfetti. Molto povero invece il comparto dei contenuti extra in cui compare solo il trailer del film.

Dati tecnici Blu-ray:

Durata: 94 min
Formato: 1080p; 1:1:85
Audio: Italiano – 5.1 DTS HD master audio; Inglese – 5.1 DTS HD master audio
Sottotitoli: Italiano
Extra: Trailer

February – L’innocenza del male (Canada - USA - 2015) è il film che segna il debutto in cabina di regia di Oz Perkins, il figlio di Anthony Perkins, l'attore che ha interpretato Norman Bates nel cult Psyco. Come da titolo, la storia del film si svolge durante il freddo mese di febbraio, periodo delle vacanze scolastiche per la pausa di metà semestre. In February il Bramford College si svuota lasciando al suo interno Kat (Kiernan Shipka) e Rose (Lucy Boynton), due matricole che attendono l'arrivo dei rispettivi genitori. Il tetro istituto cattolico femminile funge da agghiacciante location e da…

Considerazioni finali

Score - 72%

72%

Score

Sommario: Abbuiato da una fotografia cupa e sinistra, February è anche scandito da una musica tesa, in perfetta simbiosi con l’anima nera della storia. Il risultato è un film in grado di proiettare lo spettatore in una dimensione tetra che trasmette angoscia, tensione e solitudine.

User Rating: 4.15 ( 1 voti)
72

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »