Saw – L’Enigmista | Recensione film

Saw – L’Enigmista | Recensione film

DVD horror extreme TetroVideo

saw-locandinaIl film inizia al buio, con dei rumori inquietanti e un dialogo tra due persone; una delle due accende una luce forte e accecante. Compaiono così sullo schermo due uomini, apparentemente sconosciuti, il dottor Lawrence Gordon (Cary Elwes) e il giovane Adam (Danny Glover). I due, si ritrovano misteriosamente in un sudicio gabinetto, ognuno incatenato ad un tubo e separati da un cadavere, che tiene con una mano una pistola e con l’altra un registratore.
Da qui partiranno i sadici enigmi dell’ossessionato killer, che li porterà o alla salvezza o alla morte.
La pellicola, con sceneggiatura a cura di Leigh Whannell (che interpreta anche un personaggio) e con fotografia di David Armstrong, é caratterizzata da una forte vena di sadismo e splatter.
Il killer riesce ad ossessionare i due protagonisti, due poliziotti e le varie altre vittime precedenti, con enigmi inquietanti che dovrebbero far apprezzare maggiormente, una volta superati, la vita. Ad esempio, una delle scene più angoscianti, è quella dove una tossicodipendente si ritrova a dover squartare il corpo che sta nella sua stessa stanza, al fine di disattivare un dispositivo (che gli è stato collocato nella bocca) che potrebbe esplodere.
Anche il finale, che in questo caso può veramente definirsi “a sorpresa”, è stato molto ben curato e non scade per niente nel deja-vu.
Bisogna ammettere, però, che certe scene rallentano un pò il ritmo della pellicola e che quindi potevano essere tagliate. Anche certi dialoghi potevano essere curati maggiormente, visto che a volte appaiono un tantino superficiali. Un’altra piccola nota negativa è il fatto che, troppo spesso, le citazioni fanno riferimento a film tipo The Cube ed Il collezionista di Ossa. Tuttavia la pellicola, con scenografia di Julie Berghoff, tratta in maniera abbastanza originale questi spunti.
Le musiche di Charlie Clouser contribuiscono a rendere questo thriller-horror, una delle migliori produzioni americane uscite negli ultimi anni.
Il regista, al suo primo lungometraggio, pur non disponendo di un budget elevato, ci ha regalato un film dignitoso e riuscito, che certamente merita di essere visto.
Caldamente consigliato!

Recensione a cura di Vampira

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »