The Ring | Recensione film

The Ring | Recensione film

DVD horror extreme TetroVideo

the-ring-locandinaStrane ed agghiaccianti morti colpiscono alcuni giovani, tra questi la nipote di Rachel Keller (Naomi Watts). Pare che la causa sia da addebitarsi ad una misteriosa videocassetta: dopo averla visionata, la voce di una giovane ragazza annuncia per telefono la morte entro 7 giorni. Rachel indaga sulla leggenda, ma si trova a sperimentare sulla sua pelle la veridicità della maledizione. Con l’aiuto dell’ex fidanzato Noah (Martin Henderson), cerca di svelare l’enigma di quelle immagini che, apparentemente, non hanno senso logico. Crea una copia dell’originale, ma la sfortuna (o il fato) vuole che anche il figlio Aidan (David Dorfman) visioni il filmato. Da questo momento, la corsa contro il tempo si fa opprimente e porta la coppia Rachel/Noah a comporre le intricate tessere del puzzle, fino all’ inquietante scoperta e al finale angosciante.

Gore Verbinski realizza il remake di una pellicola giapponese uscita nel 1998 (Ringu) e diretta da Hideo Nakata. Si distingue particolarmente dai titoli horror degli ultimi anni per riuscire ad inchiodare alla poltrona lo spettatore, dandogli sempre la sensazione che da un momento all’altro debba succedere qualcosa. Non vi sono cali di tensione, la regia è abbastanza sicura e la fotografia è molto azzeccata. Forse resta qualche passaggio poco chiaro, ma a quanto pare è in cantiere un sequel che (forse) ci rivelerà quello che ancora non sappiamo.
E’ consigliabile un’occhiata alla trilogia nipponica (Ringu, Ringu 2, Ringu 0), ben realizzata e che offre momenti di autentico thrilling.

Recensione a cura di Maxena

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »