Resti | Recensione fumetto

Resti | Recensione fumetto

DVD horror extreme TetroVideo

restiTipo: Volume unico
Autore: Steve Niles
Disegni: Kieron Dwyer
Casa editrice: Magic Press
Formato: 17×26 cm, pag. 132, Brossurato a col.
Prezzo: 11,00 €

Tutto comincia il 3 giugno 2005, in una realtà molto simile alla nostra. In seguito all’ennesima corsa agli armamenti nucleari da parte delle potenze mondiali, l’umanità chiede a gran voce la pace, e i principali paesi del mondo si impegnano alla distruzione degli armamenti. In un’isolata località desertica americana viene costruito un grande forno, con lo scopo di distruggere per sempre tutti gli armamenti. Purtroppo durante l’operazione avviene un incidente che innesca tutti gli ordigni nucleari nello stesso momento, colpendo in un istante tutti i popoli della terra. In molti muoiono, ma presto si risvegliano sottoforma di zombi affamati di carne umana. E’ in questo scenario che vivono la loro avventura Tom e Tori, due dipendenti di un casinò del Nevada, che si sono salvati per puro caso dall’Armageddon, e si ritrovano unici superstiti in mezzo ad un mare di zombi affamati. Barricati all’interno del casinò, i due vivono in uno stato di odio/necessità dell’altro, e nei tentativi di resistenza agli zombi scoprono che i loro avversari diventano più forti e intelligenti ogni giorno che passa. Intanto i due sopravvissuti non si devono guardare solo dagli zombi, ma anche dagli attacchi dei predoni che fanno razzie di tutto quello che trovano. Alla fine i due verranno raggiunti da un’altra superstite, a sua volta inseguita da una nuova razza di zombi, molto più forti di quelli vecchi, che sono comandati da un “re”. A questo punto i tre vivi mettono a punto un piano esplosivo per liberarsi degli zombi, ma qualcosa va storto…

Nuovo racconto di Steve Niles, protagonista incontrastato dell’horror a fumetti moderno, disegnato da Kieron Dwyer, già disegnatore di Capitan America. Durante tutta la lettura del volumetto si può respirare un forte sapore tipico dei film di Romero, sia per le ambientazioni che ricordano i più famosi film del maestro del cinema horror, sia per la nota velata (neanche troppo) di impegno politico e sociale.
Nonstante sia inevitabile dopo tanti anni di film e letture zombesche percorrere strade già più volte battute, Niles riesce a servirci un fumetto assolutamente godibile e che ancora cattura l’attenzione del lettore, che tiene il fiato sospeso sino alla fine. Per quanto riguarda i disegni, Dwyer ha dato altrove prova di avere un tratto più studiato e preciso, ma nonostante questo il disegnatore ci regala molti effetti interessanti, soprattutto sul piano splatter, che insieme ai dialogi forti di Niles rendono questo volumetto consigliato ad un pubblico maturo.
Molto interessante la profondità e l’evoluzione che Niles influisce nei suoi personaggi nel corso della storia.
Nell’introduzione alla storia troviamo un’intervista a Scott Ian e Patton Oswalt con un dibattito sulla preferenza tra gli zombie veloci contro gli zombie lenti.
“Resti” è un buon volumetto, una storia di zombie alla vecchia maniera che si alscia leggere e gustare dalla prima all’ultima tavola. Imperdibile per gli amanti degli zombie, delle opere di Niles e del fumetto horror in generale.

Recensione a cura di Fabio Venanzini

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Google Translate »